Comunicazione politica, aziendale e personale
manipolazione mediatica

Manipolazione mediatica di Chomsky. Ecco la verità

  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •  
  •  

Le 10 strategie della manipolazione mediatica di Noam Chomsky sono un grande classico del web. O meglio una grande classico delle bufale del web. Il decalogo delle strategie di manipolazione di massa non è mai stato scritto dal linguista americano ma ha riconosciuto in qualche modo un legame con le sue teorie.
chomsky decalogo

Ma cosa dicono le 10 strategie della manipolazione mediatica?

1. La strategia della distrazione

Consiste nel deviare l’attenzione del pubblico dai problemi importanti attraverso un fiume di informazioni irrilevanti.

“Mantenere l’Attenzione del pubblico deviata dai veri problemi sociali, imprigionata da temi senza vera importanza. Mantenere il pubblico occupato, occupato, occupato, senza nessun tempo per pensare, di ritorno alla fattoria come gli altri animali (citato nel testo “Armi silenziose per guerre tranquille”).

2. Creare problemi e poi offrire le soluzioni.

Questo metodo è anche chiamato “problema- reazione- soluzione”. Si crea un problema, una “situazione” prevista per causare una certa reazione da parte del pubblico, con lo scopo che sia questo il mandante delle misure che si desiderano far accettare. Ad esempio: lasciare che si dilaghi o si intensifichi la violenza urbana, o organizzare attentati sanguinosi, con lo scopo che il pubblico sia chi richiede le leggi sulla sicurezza e le politiche a discapito della libertà. O anche: creare una crisi economica per far accettare come un male necessario la retrocessione dei diritti sociali e lo smantellamento dei servizi pubblici.

3. Strategia della gradualità

Questa è un’altra di quelle strategie di manipolazione di massa per introdurre misure che di solito la gente non accetterebbe; le cosiddette misure impopolari. Consiste nell’applicarle a poco a poco, in modo che siano praticamente impercettibili.
Questo è ciò che è accaduto, ad esempio, con la riduzione dei diritti dei lavoratori. In diverse società sono stati l’attuazione di misure, o forme di lavoro, che finiscono per far sembrare normale che un dipendente non abbia alcuna garanzia di sicurezza sociale.

4. La Strategia del differire

Questa strategia consiste nel far credere ai cittadini che si sta prendendo una misura temporaneamente dannosa, ma che, verso il futuro, può portare grandi benefici alla società nel suo complesso e, naturalmente, ai singoli individui.
L’obiettivo è che le persone si abituino alla misura e non la rifiutino, pensando al presunto bene che porterà domani. Quando arriva il momento, l’effetto della “normalizzazione” ha già funzionato e la gente non protesterà se i benefici promessi non arriveranno.

5. Parlare al pubblico come con i bambini

Molti messaggi televisivi, soprattutto pubblicitari, tendono a parlare al pubblico come se fossero bambini. Usano gesti, parole e atteggiamenti che sono concilianti e che sono impregnati di un certo alone di ingenuità.
L’obiettivo è quello di superare la resistenza della gente. È una delle strategie di manipolazione di massa che cerca di neutralizzare il senso critico delle persone. Anche i politici usano queste tattiche, a volte presentandosi come figure paterne.

6. Fare leva sulle emozioni anziché sulla ragione

Sfruttate l’emozione è una tecnica classica per provocare un corto circuito su un’analisi razionale e, infine, il senso critico dell’individuo. Inoltre, l’uso del registro emotivo permette aprire la porta d’accesso all’inconscio per impiantare o iniettare idee, desideri, paure e timori, compulsioni, o indurre comportamenti.
Lo scopo di questo è quello di creare una sorta di “corto circuito” con l’area più razionale delle persone. Le emozioni catturano il contenuto complessivo del messaggio, non i suoi elementi specifici. In questo modo, la capacità critica viene neutralizzata.

7. Creare un pubblico mediocre o ignorante

Tenere le persone nell’ignoranza è uno degli scopi del potere. Ignoranza significa non dare alle persone gli strumenti per analizzare la realtà da soli. Fornire aneddoti, ma non fargli conoscere le strutture interne dei fatti.
Mantenere l’ignoranza è anche non sostenere l’istruzione. Favorire il divario tra la qualità dell’istruzione privata e pubblica. Intorpidire la curiosità per la conoscenza e dare poco valore ai prodotti dell’intelligenza.

8. Avere un pubblico compiacente con la mediocrità

La maggior parte delle mode e delle tendenze non sono create spontaneamente. Sono quasi sempre indotte e promosse da qualche centro di potere che esercita la sua influenza per creare enormi ondate di gusti, interessi o opinioni.
I media di solito promuovono certe mode e tendenze, la maggior parte delle quali intorno a stili di vita sciocchi, superflui o addirittura ridicoli. Convincono le persone che comportarsi in questo modo è “alla moda”.

9. Stimolare il senso di colpa

Un’altra strategia di manipolazione di massa è quella di far credere alle persone che sono la causa dei loro problemi. Qualsiasi cosa negativa che accade loro dipende solo da loro stessi. In questo modo si fa credere che l’ambiente è perfetto e che se ci sono problemi la responsabilità dell’individuo.
Pertanto, le persone finiscono per cercare di adattarsi al loro ambiente, essi spostano l’indignazione che il sistema potrebbe provocare loro, verso una colpa permanente verso se stessi.

10. Conoscenza approfondita dell’essere umano

Negli ultimi decenni, la scienza è riuscita a raccogliere un’impressionante quantità di conoscenze sulla biologia e la psicologia degli esseri umani. Tuttavia, queste conoscenze non sono mai alla portata della maggior parte delle persone.

Solo una quantità minima di informazioni raggiunge il pubblico. Nel frattempo, le élite hanno tutte queste conoscenze e le usano per i loro obiettivi. Ancora una volta diventa chiaro che l’ignoranza facilita l’azione del potere sulla società.

Tutte queste strategie di manipolazione di massa sono volte a mantenere il mondo come si addice ai più potenti. Bloccare la capacità critica e l’autonomia della maggior parte delle persone. Tuttavia, spetta anche a noi lasciarci gestire passivamente o, per quanto possibile, offrire una resistenza critica.

 

I temi sul controllo sociale e la manipolazione mediatica sono molto presenti nei libri di Chomsky, ve li consiglio vivamente se volete approfondire questi temi.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •  
  •  

Add comment

WhatsApp chat